Mentre guardo la foto dei bambini deportati (quanti anni avranno avuto: dieci? dodici?), la figlia di Theodore (che ne ha invece tre) sbuca sorridendo da dietro il cartellone. Vuole giocare con me: io per la sorpresa sorrido, ma sotto gli occhiali da sole per poco non scoppio a piangere.

*

Cammino nei corridoi oscuri delle baracche come si cammina tra le pagine di un libro usato, cercando di accomodarmi nell’ingenua certezza – istintiva autodifesa – che tutto ciò sia irripetibile. Ed invece nel ripostiglio della mia coscienza so che tutto questo può riemergere altrove – domani, oggi stesso, adesso. Non me ne capacito: come può una persona portare in sé il germe di tutto ciò? Potrà mai esserci una nuova Auschwitz?

12773348_1116611091714762_1998537273_o

*

Per tutta la visita, una voce interiore cerca di convincermi che non sia vero ciò che vedo. Di sfuggita vedo il mio volto terribilmente occidentale riflesso in un vetro – il vetro dietro il quale sono ammassati i capelli delle donne uccise con il cianuro nelle camere a gas; mi vergogno allora, scoprendomi alla ricerca metodica dell’artificio museale, della finzione storica. In me, una sorta di proto-revisionista nascosto tenta di smontare questa narrazione, soltanto per scongiurare questo intimo senso di vergogna.

*

Per i corridoi cammino a testa bassa, per non incrociare lo sguardo di chi sopraggiunge nell’altra direzione, come se fossimo tutti colpevoli, nonostante tutto – nonostante tutto.

*

Ho pensato tutto il tempo a come avrei reagito, a come mi sarei attaccato con tutto me stesso alla vita. Quello che più mi spaventa, però, non è tanto la certezza di parlare a vanvera, senza alcuna cognizione di causa, ma piuttosto il fatto che ad un certo momento avrei potuto smettere di voler vivere, di voler resistere – smettere di attaccarmi alla nuda vita, alla sopravvivenza selvaggia ed essenziale dell’animale che è in me.

12768098_1116611598381378_426983771_o

*

La disumanizzazione ultima non è lo sfruttamento dell’uomo trattato come mezzo, e non come fine. A tal riguardo, siamo tutti – quotidianamente – dei cattivi kantiani. La disumanizzazione ultima è l’annichilimento del volto umano, la rimozione chirurgica della pietà dagli occhi; la possibilità che la crudeltà non sia effrazione ma sistema, che il politicamente corretto, con la sua faccia da onesto cittadino, possa giustificare che Mengele avesse uno stipendio; che ogni soldato tedesco avesse una posizione ed un’attitudine da impiegato, una prospettiva di carriera, un letto dove riposare il corpo la notte, dopo una giornata di lavoro – lavoro!

*

In aeroporto, un signore tedesco seduto affianco a me intravede sul mio computer una foto dei deportati. Volta lo sguardo. Ed io non vorrei più dover nominare «Auschwitz», come se mi vergognassi di esserci stato.

*

Ad un certo punto, di fronte alla sbarra per le impiccagioni, la chiara sensazione di intendere il suicidio di Primo Levi: non si può tornare alla normalità, alle tiepide case…

*

bambine

Nella baracca dei bambini di Birkenau, la guida ci parla, quasi con dolcezza, dei disegni fatti da chissà chi su quei muri. Io li trovo terribilmente crudeli – la spaventosa ironia dei nazisti. La figlia di Theodore, in braccio a sua madre, li osserva e sorride. Il sole splende freddo su Auschwitz.

27 febbraio 2016

12788350_1116611628381375_734934423_o

Licenza Creative Commons

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazional

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...