La blasfemia è un reato in Italia – ancora oggi, nel 2018.

La bestemmia, ad esempio, può essere sanzionata con una multa “da 51 a 309€”, come prescritto dall’art. 724 del Codice Penale. Non di rado capita che le forze dell’ordine applichino davvero quell’anacronistico articolo, per punire ad esempio una bestemmia in autostrada, o ad un Gay Pride, o addirittura su Facebook.

Di più: le “offese alla religione dello Stato (sic!) mediante vilipendio di persone” possono condurre a sanzioni che oscillano tra “i 1000 e i 5000€”, come stabilito dall’art. 403 del Codice Penale. Sanzioni che possono arrivare fino ai 6000€ nel caso in cui il vilipendio fosse rivolto ad un “ministro del culto” – un prete, ad esempio.

Non ci credete? Bene. La vedete quest’opera?

Lopera-incriminata-di-Xante-Battaglia-480x244

800€ non è il suo costo, bensì l’ammontare della multa che il suo autore, Xante Battaglia, ha ricevuto per “vilipendio alla religione cattolica”, in Italia, nel 2015.

Nello specifico, secondo la Cassazione l’opera sarebbe “altamente volgare e idonea al vilipendio della religione cattolica, andando a colpire il Papa, al vertice della struttura ecclesiastica, ponendone l’effigie – con ciò facendo intendere rapporti interpersonali di natura non consentita a chi ha fatto voto di castità – accanto a quella del suo collaboratore più stretto e, collocando fra di esse, l’immagine del membro maschile”.

Vedete poi questo fotomontaggio?

DVg_kTPWkAA3awa.jpg

Postarlo su Instagram è costato 480€ ad un giovane spagnolo, giusto un anno fa, nell’aprile del 2017.

Non so voi, ma io ritengo che tutto ciò abbia dell’assurdo, e che simili leggi sulla blasfemia siano del tutto anacronistiche e illiberali. Intendiamoci: non si tratta di fare l’elogio della blasfemia. Per molte persone quelle immagini sono e restano volgari. Molte persone, poi, trovano che bestemmiare sia di cattivo gusto. Ma il cattivo gusto e la volgarità sono una cosa, la libertà di espressione un’altra.

Per questo motivo ho dato e rinnovo il mio sostegno alla campagna Dioscotto per l’abolizione delle leggi sulla blasfemia in Italia e nel mondo.

Ne ho parlato anche nel mio libro “Come se Dio fosse antani“, commentando la morte di Socrate, «il primo martire per la causa della libertà di pensiero e d’investigazione», secondo la definizione di Theodor Gomperz.

Dioscotto Giovanni Gaetani.jpg

Riprendendo la conclusione di un articolo pubblicato sul blog dell’UAAR nel dicembre 2017, che invito a leggere per capire fino in fondo la mia posizione, le leggi sulla blasfemia “non possono che essere destinate a scomparire, per il bene di tutti. […] Perché la libertà di espressione non prevede eccezioni e va difesa sempre, si tratti di satira, di arte o di bestemmie in autostrada. Detta in un altro modo: la libertà di espressione è una cosa seria, anche quando la si impiega per dire o fare stronzate.

È ora di abolire le leggi sulla blasfemia, in Italia e nel mondo: let’s #EndBlasphemyLaws now!

Leggi di più su “Come se Dio fosse antani” sul sito dell’editore Nessun Dogma

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...