Ieri a Londra si è tenuta una manifestazione di protesta contro la visita di Donald Trump. Il nostro cartellone diceva “Accogliamo tutti i rifugiati”, seguito da un ironico asterisco: “Inclusi gli americani che scappano da Trump”.

IMG_20180713_164838.jpg

makebritaingreatagain

Tutto andava come dove andare, fino a quando due persone non sono venute a contestare il nostro cartellone. Indossavano dei cappellini rossi con scritto “make Britain great again“, emulazione del trumpiano “make America great again”.

Non ci lasciavano parlare, e quando parlavamo sembravano non ascoltarci. La signora in particolare all’inizio ci riversava addosso le sue invettive con un mini-megafono, nonostante fossimo a soli due metri di distanza.

Screenshot_20180714-103539

I loro argomenti erano terribilmente simili a quelli di molti miei concittadini italiani: “voi state dalla parte di chi ruba, spaccia e stupra”, “voi state dalla parte dell’illegalità”, “possiamo accogliere soltanto chi è effettivamente in pericolo di vita perché scappa dalla guerra, non chi viene qui a cercare fortuna”, etc.

Ho fatto allora notare che io, immigrato italiano nel Regno Unito, non sono scappato da nessuna guerra e che sono venuto a Londra proprio per “cercare fortuna”. Il ragazzo allora ha esclamato: “Certo! Sei dovuto andar via dall’Italia perché siete sopraffatti dagli immigrati, perché loro si sono rubati il tuo lavoro”.

Ho risposto che nessuno mi aveva rubato assolutamente nulla, ma è a quel punto che quello che non doveva accadere è accaduto: un idiota – perché solo così possiamo chiamarlo – ha preso di forza i cappellini rossi dei due e li ha buttati nella fontana di Trafalgar Square. Botte, spintoni, la polizia che ci fa scendere dal bordo della fontana – e i due nazionalisti che fanno la figura dei martiri della libertà di espressione…

Sceso dalla fontana, mi sono allontanato sentendo chiaramente il ragazzo sostenere che i cittadini britannici hanno una “superiorità morale” (“moral superiority”) rispetto agli stranieri che vivono nel “loro” paese…

È a quel punto che sono stato accostato da due loschi figuri, tatuati, con la testa rasata, due lattine di birra in mano e autodefinitisi “fratelli di Tommy Robinson” – il quale, per chi non lo sapesse, è un attivista di estrema destra britannico, portavoce della English Defence League (alla lettera, “Lega di Difesa Inglese”), un misto tra la Lega Nord e CasaPound.

“Tu li vorresti sul tuo pianerottolo, i rifugiati?”, mi chiede uno dei due.

Ho risposto che non era quello il punto. Che io pago le tasse nel Regno Unito proprio affinché l’accoglienza di immigrati e rifugiati sia svolta dalle autorità britanniche competenti. Sentendo il mio spiccato accento italiano, il più vecchio dei due mi chiede, con fare aggressivo, da dove venissi.

“Sono italiano”, ho risposto, “e quindi?”

Ed è lì che, col dito alzato all’altezza del viso, ha iniziato a vomitarmi addosso il suo odio: “Fottuto italiano, tu e la tua gente avevate Mussolini! I tuoi antenati hanno ucciso i miei antenati e adesso tu sei qui sulla mia terra, nella mia città: tu non appartieni a questo posto!”

Sono rimasto senza parole. Inerme. Immobile. Con le braccia aperte, le mani verso il cielo. Attorno a me un gruppo di persone mi difendevano. Ricordo che dicevano: “che colpa ne ha lui?” Credo che a quel punto la polizia sia intervenuta per allontanare i due, ma non ne posso essere certo, perché in tutta onestà non ero molto lucido in quel momento.

Ricordo solo che sono scoppiato a piangere, come non facevo da anni. Una decina di persone mi ha abbracciato tutta insieme. E poi, una a una, mi hanno stretto la mano: “sono australiana”, “sono messicana”, “sono inglese…”

A posteriori credo di aver capito perché ho pianto. Non perché avessi paura per la mia incolumità in quel momento, né perché mi sentissi realmente offeso da quelle stronzate razziste.

Ho pianto perché ho realizzato che quelle quattro misere teste di cazzo che blateravano di Mussolini e di superiorità morale potrebbero un giorno passare dall’essere un’insulsa minoranza a una maggioranza in grado di condizionare realmente la mia vita e quella degli altri immigrati come me.

Ho pianto perché ho immaginato cosa sarebbe potuto succedere se la stessa scena si fosse ripresentata altrove, in un luogo isolato, senza polizia né manifestanti pronti a difendermi.

Ho pianto perché ho pensato a come devono sentirsi quelle persone che, ovunque nel mondo, simili attacchi li subiscono ogni giorno, tra l’indifferenza generale, correndo il rischio di non poterlo raccontare a nessuno il giorno dopo.

Ho pianto perché riconosco che le vere vittime di razzismo sono altre, perché nella sfortuna io sono e resto un privilegiato, con una casa, una lavoro, la pelle bianca e lo status di cittadino dell’Unione Europea a farmi da scudo quando la Brexit diventerà realtà – o almeno questa è la favola che mi racconto da due anni…

Ho pianto, e non poco. Perché ho realizzato sulla mia pelle, come mai mi era successo finora, una verità tanto banale quanto disarmante: che il razzismo è una enorme montagna di merda.

dav
Selfie con uno dei due “fratelli di Tommy Robinson” ieri a Trafalgar Square

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche “Io, immigrato nato sulla sponda giusta del Mediterraneo“. Per sapere di più sul mio libro: “Come se Dio fosse antani. Ateismo e filosofia senza supercazzole

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale

Annunci

5 pensieri su ““Torna a casa, fottuto italiano”: quando la vittima di razzismo sei tu

    1. Grazie, Ere.

      C’è gente che mi ha dato del “buonista” o del “piagnone” anche in questa circostanza. Menomale che esistono persone come te che restano umane e sanno ancora cosa voglia dire la parola “empatia”.

      Ricambio l’abbraccio,

      Giovanni

      Mi piace

  1. Di questo passo si finisce in un delirio collettivo…Nord contro Sud, Est contro Ovest, bianchi contro neri. Fra non molto si arriverà a maschi contro femmine, giovani contro anziani….sarà il caos mondiale se qualcuno non ferma queste ideologie allucinanti. Hai tutta la mia solidarietà. Continua a denunciare questi episodi. La gente deve sapere.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...