Se “Dio ha protetto Bologna” allora hanno ragione gli atei, ancora una volta

Se “Dio ha protetto Bologna” allora hanno ragione gli atei, ancora una volta

maxresdefault

I fatti li conosciamo tutti: 3 giorni fa, a Bologna, un’autocisterna che trasportava GPL ha tamponato un altro tir ed è esplosa in autostrada. 145 feriti, danni materiali ancora da estimare, e un solo morto – il 42enne autista della autocisterna, Andrea Anzolin.

Il video dell’esplosione l’abbiamo visto tutti, e non in pochi sono stati in grado di vedere il volto di “uno spirito maligno” tra le fiamme.

Fiamme
L’apparizione del volto di uno spirito maligno

Inutile perdere tempo in questo caso, perché tale visione si spiega come l’ennesimo fenomeno di “pareidolia”, ovvero – come da Dizionario Treccani – quel “processo psichico consistente nella elaborazione fantastica di percezioni reali incomplete, non spiegabile con sentimenti o processi associativi, che porta a immagini illusorie dotate di una nitidezza materiale…”

Molto più interessante è invece commentare le affermazioni dell’arcivescovo di Bologna Matteo Zuppi – leggiamole insieme:

In tangenziale c’è stato l’intervento della provvidenza di Dio. Un dono, una protezione. Bisogna riconoscere che si è avuta una rapidità di intervento che ha permesso di evitare un numero enorme di vittime. Poi, però, vedendo e rivedendo le immagini, considerando che c’è stato per un incidente così grande un solo morto, effettivamente possiamo dire che ha agito la Provvidenza in appoggio ai soccorritori.

L’arcivescovo Zuppi non è il primo, né sarà di certo l’ultimo, ad attribuire a Dio un presunto potere miracoloso subito dopo una catastrofe di simili portate.

La libertà di religione e di espressione permettono questo e ben altro – e noi, in quanto cittadini di una democrazia liberale, difenderemo sempre il diritto dell’arcivescovo e dei suoi emuli a dire la propria, in totale libertà.

Ma, al tempo stesso, sempre appellandoci alla medesima libertà e agli stessi principi democratici e liberali, rivendichiamo il nostro diritto di dire apertamente e fragorosamente che le affermazioni dell’arcivescovo sono un’enorme stronzata.

Lo sono innanzitutto da un punto di vista logico, perché basate su un malcelato non sequitur. Dice infatti l’arcivescovo che “effettivamente possiamo dire che ha agito la Provvidenza in appoggio ai soccorritori”. Ma “effettivamente” cosa? Sulla base di quali fatti? E in che modo i soccorritori avrebbero fatto più di quanto non avrebbero normalmente fatto senza il presunto aiuto divino?

Ma, tralasciando questo aspetto, le affermazioni dell’arcivescovo Zuppi sarebbero ancora più assurde proprio nel caso in cui fossero vere (sic!)

Come fa l’arcivescovo a non accorgersi delle conseguenze teologiche di simili affermazioni? E, ampliando la prospettiva, come diavolo fanno miliardi di credenti in tutto il mondo a non capire che, ogni qual volta attribuiscano a Dio la capacità di intervenire direttamente nel reale, stanno sostanzialmente bestemmiando contro quel loro stesso Dio, fornendo agli atei l’ennesimo argomento a favore del loro ateismo?

Perché, se Dio ha potuto aiutare i soccorritori dopo l’esplosione, allora Dio avrebbe potuto anche aiutare l’autista a premere tempestivamente il freno per evitare il tamponamento e scongiurare la tragedia.

“Sì, certo”, risponderà il credente di turno, “Dio poteva, ma non ha voluto”. Ed è qui che, detto con inconfondibile aplomb, mi vien voglia di bestemmiare e di spaccare la tastiera su cui sto scrivendo.

Perché ogni argomentazione di questo tipo non è nient’altro che un’enorme e disumana supercazzola per giustificare ciò che non può essere giustificato – ma, soprattutto, ciò che non deve essere giustificato.

Non importa che a pronunciare quella supercazzola sia il più erudito dei teologi à la Karl Barth o il più illetterato dei contadini della Vandea controrivoluzionaria. Non è una questione di stile o di forma, bensì di pura, semplice e inaggirabile logica fondata sul principio di non-contraddizione. E, da questo punto di vista, è preferibile un teismo à la Spinoza o à la Bonhoeffer, che tenevano Dio ben lontano dalle faccende umane, piuttosto che l’arbitrarismo teologico dell’arcivescovo Zuppi e dei suoi emuli.

Perché, se in certi casi Dio può ma non vuole, allora vuol dire che Dio ha da sempre messo in conto, all’interno del suo imperscrutabile disegno divino, la sofferenza più o meno innocente di alcuni uomini, al fine di salvarne altri, più o meno innocenti a loro volta. E questa è, parafrasando le parole di Primo Levi, una bestemmia che Dio stesso risputerebbe a terra.

Di più: se ammettiamo che Dio può intervenire nel reale, allora Dio è responsabile per le morti di milioni di neonati e bambini che, ben prima di aver potuto esercitare il “dono” del libero arbitrio, sono morti in modi più o meno atroci ma tutti ugualmente ingiustificabili in un’ottica di teodicea. E in tal caso, noi – noi atei umanisti – abbiamo tutto il diritto di voltare le spalle a quel Dio, perché – come ho scritto nel mio libro – un Dio siffatto “non meriterebbe nient’altro che il nostro disprezzo“.

C’è poco da fare: più i credenti si ostineranno a ripetere simili supercazzole, più gli atei avranno ragione a rimanere ostinatamente nel loro rifiuto di Dio. Perché l’argomento ultimo dell’ateismo filosofico non è una confutazione dell’esistenza di Dio, bensì la presa di consapevolezza che, “anche se Dio esistesse, sarebbe umanamente e ragionevolmente impossibile credere in lui.”

maxresdefault

Ho affrontato l’argomento della teodicea in maniera più approfondita nell’ultimo capitolo del mio libro: “Come se Dio fosse antani. Ateismo e filosofia senza supercazzole.

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale

Annunci

La vincitrice del concorso “Sei ateo? Raccontaci la tua storia!”

La vincitrice del concorso “Sei ateo? Raccontaci la tua storia!”

Un mese fa abbiamo chiesto agli amici della pagina “Come se Dio fosse antani” di raccontarci la loro storia…

storia

Grazie a tutte le persone che hanno partecipato, sia con il proprio nome che in forma anonima: le vostre storie, ognuna a modo suo, testimoniano di quanto l’ateismo possa essere una posizione di vita libera e ragionata, e di quanto sia importante dirsi apertamente e pubblicamente atei in un paese come l’Italia, nel quale la stigmatizzazione dei non-credenti è ancora molto forte.

Non è stato facile scegliere tra le più di 50 testimonianze ricevute, ma, alla fine, ecco le migliori tre storie!

1° posto – Camilla Esposito

“Sono diventata atea da bambina. Durante gli anni della scuola elementare i miei genitori mi regalarono l’abbonamento alla rivista Focus Junior, per stimolare e soddisfare il mio bisogno di conoscenza e creatività. All’interno di quella rivista leggevo di biologia, di chimica, di fisica e non solo. Mi ha aperto gli occhi su tante cose che, ingenuamente, a 8 o 9 anni non comprendevo. In quel periodo è maturata in me la consapevolezza di essere una “donnina” di scienza e non l’ho mai più abbandonata. Con il tempo e crescendo, frequentando ambienti adatti alle mie attitudini, ho smesso di credere alle nozioni che la suora mi impartiva a catechismo, all’oroscopo, alle superstizioni. Ho smesso di sperare ciecamente e ho cominciato a valutare razionalmente ogni situazione in cui fossi calata. Ho continuato ad interessarmi al cattolicesimo e a molte altre religioni, ma solo con un’intenzione antropologica e senza provare in alcun modo la spinta irrazionale che molti chiamano fede.

Oggi ho 20 anni, studio all’università, mi considero un’atea pratica e affronto la vita con raziocinio. Non mi manca ciò che la religione avrebbe potuto darmi.”

2° posto – Claudia Appiani

“Credo che il mio ateismo ci sia sempre stato. È stato il momento in cui me ne sono resa conto che ho ancora stampato nella memoria, nonostante non conoscessi ancora il termine “ateo”. Avevo 11 o 12 anni, periodo di cresima, di catechismo, e proprio non mi capacitavo di non riuscire a sentire questo contatto con dio di cui mi parlavano tanto. Allora, mentre ero affacciata alla finestra del bagno guardando la chiesa, decisi che quello era un buon momento per pregare, per riuscire finalmente a credere!
Mi sedetti.

Pregai intensamente.

E mi sentii intensamente stupida.”

3° posto – Manuela Tambellini

“Ho sempre seguito gli insegnamenti religiosi della mia famiglia, della chiesa, della scuola, della comunità ma cercando risposte concrete ai miei dubbi che nessuno riusciva a darmi giustificando che tutto è mistero divino e che bisogna avere fede. Così ho proseguito la tradizione educando anche i miei figli alla religione cattolica. Ho affrontato anche un viaggio in Israele e Palestina ripercorrendo quei luoghi sacri che si dice offrano grandi emozioni ma, a parte la bellezza dal punto di vista turistico, non mi hanno coinvolta con sentimenti cristiani. I dubbi sono cresciuti inesorabilmente fino a che ho scoperto che i miei figli si erano sbattezzati. I giovani di oggi si fanno meno scrupoli e a domande con risposte vacue rispondono senza esitazioni. Invece di scandalizzarmi ho aperto gli occhi e mi sono sbattezzata anch’io. È stata una liberazione!”

Libro solo

Per saperne di più sul libro: “Come se Dio fosse antani. Ateismo e filosofia senza supercazzole

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale

Testimone di Geova ripudiata dalle figlie: lo Stato non può farci nulla

Testimone di Geova ripudiata dalle figlie: lo Stato non può farci nulla

Grazia Di Nicola è una donna di 48 anni ed è Testimone di Geova dal 2008. Grazia non ha rifiutato una trasfusione di sangue: così è sopravvissuta a una delicata operazione per asportarle un tumore. Da quel giorno i suoi “fratelli di culto”, incluse tre delle sue figlie, l’hanno ripudiata. Nella video intervista di FanPage.it potete ascoltare la sua testimonianza.

Tre brevissime (e non esaustive) considerazioni sull’accaduto:

1) Un Testimone di Geova (TDG) ha il diritto di rifiutare una trasfusione di sangue, anche a costo di morire, perché la sua scelta non intacca la libertà altrui. Se ci battiamo per l’autodeterminazione dell’individuo, dobbiamo farlo sempre, anche in questi casi, per quanto le motivazioni dei TDG siano assurde e oggettivamente irrazionali.

geova

2) Non è questo il caso, ma è bene sottolineare che un TDG non ha il diritto di imporre il rifiuto della trasfusione di sangue ai propri figli minorenni. I figli non sono infatti proprietà dei genitori, e lo Stato ha il diritto di intervenire (ed interviene effettivamente) qualora la salute e “il miglior interesse del bambino” siano messi a repentaglio da determinate scelte educative e sanitarie dei genitori. Un esempio fra tanti? Il caso di genitori che curarono l’otite del figlio con l’omeopatia, mandandolo in coma…

Certo, può darsi il caso di un minore alla soglia dei 18 anni che sia abbastanza maturo e consapevole da potersi considerare maggiorenne. Ma legalmente un cittadino diventa maggiorenne a 18 anni: per quanto convenzionale sia, questo limite legale va rispettato in quanto tale.

3) Un TDG sa di appartenere a una comunità estremamente settaria, identitaria e vendicativa, come molti altri credenti appartenenti a altre confessioni religiose. Massima solidarietà dunque a Grazia Di Nicola, che sta affrontando un dramma umano e familiare terribile.

pointing at a bible

Ma purtroppo (o per fortuna) lo Stato non può intervenire nella sua situazione familiare, proprio perché si tratta di una questione privata tra lei , le figlie e i suoi ex-fratelli di culto.

Lo Stato non può imporre, cioè, che quelle persone tornino a amarla o rispettarla, né tanto meno può re-immetterla di forza nella sua ex-comunità religiosa. L’appello della signora alla libertà di culto “garantita dalla Costituzione Italiana” è dunque sbagliato, perché è proprio nell’esercizio della loro libertà di culto che quelle persone possono decidere di allontanarsi da lei, senza commettere alcun reato.

Da razionalisti, auguriamo a Grazia Di Nicola che questa terribile esperienza possa aiutarla a comprendere quanto assurdi fossero i precetti a cui si atteneva, quanto violenta e disumana la religione possa essere, e quanto sia necessario allontanarsi da una comunità settaria e vendicativa come quella dei Testimoni di Geova.

Da atei, invece, siamo pronti a accoglierla in una comunità che mette al centro di tutto l’individuo, al riparo da simili gesti di ostracismo. Perché, con tutti i nostri difetti, facciamo parte di una comunità variegata e multicolore che rispetta la libertà di pensiero e di espressione, e in cui la vittimizzazione dell’apostasia logicamente non esiste.

Perché, ognuno a modo nostro, apostati lo siamo tutti.

niente sangue.jpg

Se ti è piaciuto questo articolo leggi anche “D’una fede che uccide e dell’ignoranza che salva“. Per sapere di più sul mio libro: “Come se Dio fosse antani. Ateismo e filosofia senza supercazzole

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale

L’ateismo non basta

L’ateismo non basta

“Forse ti sembrerò pedante, ma è davvero importante che tu capisca perché il termine ateo, da solo, non basta. Per farlo, pensa a quanto segue. Così come esistono gli atei umanisti, esistono anche gli atei nichilisti, i quali, oltre a negare l’esistenza di Dio, credono che al mondo non ci siano valori da difendere, che l’uomo sia un essere abominevole e che l’umanità sia destinata all’apocalisse – credimi, sono più numerosi di quanto pensi. Esistono anche gli atei irrazionalisti, i quali, per quanto non credano in Dio, credono però nell’oroscopo, nelle fattucchiere, nei medium, nelle pseudoscienze, nel soprannaturale e quant’altro. O ancora esistono gli atei razzisti, gli atei omofobi, gli atei maschilisti, etc.”

Il passaggio che avete appena letto è preso dalla Lettera a una aspirante filosofa, posta a chiusura del mio libro “Come se Dio fosse antani. Ateismo e filosofia senza supercazzole”, pubblicato da Nessun Dogma, il progetto editoriale dell’UAAR.

La tesi esposta in quel passaggio è tanto chiara quanto controversa: l’ateismo, da solo, non basta – ed infatti, per le ragioni che vedremo più avanti, ad “ateo” affianco ormai sempre il termine “umanista”.

AU

Attenzione: ho detto “non basta”, che è diverso dal dire “non serve”. A tal riguardo, anzi, sgombero subito il campo da qualsiasi equivoco: chi vi scrive è e resta ateo, convintamente e consapevolmente ateo, come probabilmente lo sarete anche voi che state leggendo questo articolo – e se non lo siete, meglio ancora…

Arrivare a definirsi apertamente e tranquillamente atei in un paese cattolico e tradizionalista come l’Italia non è infatti cosa semplice. Non lo è stato per me, che ho impiegato anni prima di farlo, attraversando numerose tappe intermedie – se volete sapere com’è andata precisamente ho raccontato il mio percorso di “deconversione” nella Lettera di cui sopra.

Non è stato facile nemmeno per molti amici e conoscenti, tra chi va ancora in chiesa la notte di Natale per far contenta la famiglia, chi per “opportunità politiche” evita di definirsi ateo in pubblico, chi procrastina il suo sbattezzo da anni per non dispiacere ai genitori e chi invece fa da padrino al nipote per non deludere amici e parenti.

Infine, non lo è stato nemmeno per le tante persone, socie UAAR e non, che sto incontrando in queste settimane durante le presentazioni del libro in giro per l’Italia e l’Europa. A Sulmona, per esempio, ho conosciuto una coppia di atei dichiarati che negli anni 80’, sotto la pressione dei parenti, si sono dovuti sposare in incognito in chiesa, con la complicità di un amico prete molto “liberale”. O ancora una ragazza che, d’accordo con la nonna, si sbattezzerà, sì, ma solo dopo che la stessa nonna sarà “passata a miglior vita”.

Perché sto raccontando tutto ciò? Non di certo per fare gossip – anche perché sul tema esiste una casistica infinita e di gran lunga più assurda di quella riportata qui sopra. Sto raccontando tutto ciò perché, se credo come ho detto che l’ateismo non basti, lungi da me l’idea di volerlo liquidare come inutile, banale o superfluo.

Sono convinto, al contrario, che non ci sia nulla di più ragionevole ed entusiasmante che vivere, agire e pensare senza Dio – risolutamente, senza vergogna né sensi di colpa, ma neanche con superbia o arroganza.

Ciononostante, permettetemi di svelare un segreto di Pulcinella, che troppo spesso dimentichiamo: non credere in Dio non ci rende automaticamente delle persone migliori. La virtù morale si pone infatti altrove, nei valori che plasmano la nostra vita e indirizzano il nostro agire, non nelle cose in cui non crediamo.

Riuscire a liberarsi dai lacci mentali della tradizione religiosa e dalle mille contraddizioni del dogmatismo teologico è senza dubbio fondamentale; è il miglior punto di partenza per il libero sviluppo di una personalità consapevole, che sia sempre pronta a rimettere in discussione se stessa, aperta alla novità, alla diversità e al dialogo. Ma, appunto, si tratta solo di un punto di partenza, non di arrivo.

Veniamo dunque alla tesi centrale di questo articolo: perché l’ateismo, da solo, non basta? Da una parte perché, come già detto, il solo fatto di non credere in Dio non garantisce che le nostre azioni siano moralmente giuste, né migliori di quelle di un credente. Certo, a livello sociologico esiste una evidente correlazione statistica tra tasso di non-credenza di un paese e suo progresso politico-tecnologico, così come, inversamente, tra arretratezza e tasso di religiosità.

phil_zuckerman

Phil Zuckerman ha evidenziato a riguardo come, secondo lo Human Development Report del 2004, i cinque paesi al mondo col più alto “tasso di sviluppo umano” (Norvegia, Svezia, Australia, Canada e Olanda) siano tutti caratterizzati da “alte percentuali di ateismo organico”, mentre negli ultimi 50 paesi l’ateismo è statisticamente irrilevante. Ciononostante, come negare l’esistenza di regimi oppressivi e illiberali come la Cina o la Corea del Nord, dove la maggioranza della popolazione non crede in Dio – per quanto poi finisca per crearsene di altri?

Al tempo stesso, poi, l’ateismo non basta perché per sua stessa costituzione non sta mai in piedi da solo, ma è sempre completato da qualcos’altro. Non si può essere solo atei, perché si è anche qualcos’altro, sempre.

Chi afferma ad esempio di non credere in alcuna spiritualità, perché solo la materia conta, è un ateo materialista. Chi venera Cioran, tuonando che Dio è morto e che la vita non ha alcun senso, è un ateo nichilista. Chi, pur non credendo in Dio, crede nelle scie chimiche e nei vaccini che causano l’autismo è un ateo complottista – e la lista di ateismi più o meno biasimevoli è ancora lunga…

Per questo motivo, all’aspirante filosofa della Lettera dico che “oggi più che mai è necessario specificare che tipo di atea tu sia, Monica, in modo che nessuno possa confonderti per qualcun altro. Perché è solo attraverso la chiarezza del linguaggio che potrai esplicitare la tua posizione e dire chiaramente da che parte sei.”

Io, ad esempio, sto dalla parte dell’uomo, della sua ragione e della sua empatia. Mi definisco un ateo umanista – o anche solo un umanista se il mio interlocutore sa cosa intendo – perché, pur non credendo in Dio, credo che la (mia) vita abbia un senso, che esistano valori da difendere e battaglie da portare avanti.

La battaglia per la libertà individuale, ad esempio, poiché trovo preferibile una società dove ognuno sia libero di autodeterminarsi e vivere secondo coscienza piuttosto che una società dove ognuno cerchi di imporre all’altro la propria definizione di Bene e di Giusto. O ancora la battaglia per la ragione e per il progresso scientifico, perché, al contrario di molti naturisti, luddisti e nostalgici dell’età dell’oro, non vorrei mai rinascere altrove che nel nostro maledetto presente, con tutte le sue “detestabili” tecnologie e “artificiali” innovazioni – le stesse che hanno portato ai minimi storici la mortalità infantile e fatto impennare l’aspettativa di vita su scala planetaria, giusto per fare due esempi.

global-child-mortality-timeseries

life-expectancy-globally-since-1770

Sarebbe davvero un grande passo avanti se, in Italia come nel mondo, sempre più atei realizzassero l’importanza della filosofia umanista e cominciassero a definirsi atei umanisti. Ciò non significa affatto abbandonare un’identità conquistata a fatica negli anni. Significa piuttosto completarla e farla evolvere, specificando con chiarezza l’universo di valori nei quali ci riconosciamo – universo che è ben definito dalla Dichiarazione di Amsterdam del 2002, dove vengono elencati i sette principi dell’Umanismo moderno.

download

Non tutti gli atei sono umanisti, l’abbiamo appena visto. Ma ogni umanista – nel senso moderno del termine – è necessariamente ateo. Muovendoci in direzione dell’Umanismo non perderemo la nostra identità: non abbiamo infatti nulla da perdere, ma tutto da guadagnare. E se l’umanismo è davvero una scommessa sull’umanità, allora più saremo a scommettere, più alta sarà la nostra probabilità di vincita.

AU

Leggi di più su “Come se Dio fosse antani” sul sito dell’editore Nessun Dogma

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Vietare un libro è sempre una stronzata. Anche quando si tratta della Bibbia

Vietare un libro è sempre una stronzata. Anche quando si tratta della Bibbia

Stando alle ultime notizie, la Cina avrebbe “vietato la vendita online della Bibbia“.

Al netto delle smentite e dei nuovi sviluppi, dico forte e chiaro come la penso, per quanto impopolare possa suonare alle orecchie degli anticlericali più radicali.

Vietare un libro è una stronzata, sempre e comunque, che si tratti della Bibbia, di un libro contro i vaccini o del Mein Kampf.

Vietare un libro è sempre sbagliato – anche quando, da buoni razionalisti, possiamo oggettivamente dimostrare che quel libro sia pieno di incorrettezze, assurdità e/o supercazzole.

Non è attraverso i divieti di Stato o i roghi in piazza che si combatte la disinformazione e l’irrazionalità.

Le uniche legittime “armi” a nostra disposizione sono un fact checking militante, un’intelligente opera di divulgazione razionalista, e tanta, tanta pazienza.

Vietare la vendita di un libro è una stronzata anche perché, da un punto di vista politico e mediatico, crea esattamente l’effetto opposto a quello ricercato: creando un mito attorno al libro “maledetto”, si innesterà una sorta di corsa al martirio per leggere quel libro – nitimur in vetitum…

Ma soprattutto, i sostenitori di simili divieti devono spiegarci una cosa: chi stabilisce il confine tra libri legittimi e libri vietati? Come vi opporrete quando qualcuno vieterà i vostri libri?

E poi, rivolgendomi adesso agli amici più anticlericali: dopo secoli passati a combattere contro la Santa Inquisizione e la censura ecclesiastica, non pensate sia un po’ da stronzi mettersi sul loro stesso piano?

L’ho detto altrove con un tono più serio e borioso: “chiunque ritenga di avere il diritto di imporre la propria verità agli altri giustifica indirettamente la violenza che a sua volta subisce o subirà dall’agire illiberale altrui”.

Che detto in maniera “commestibile” significa: se non vuoi che i tuoi libri vengano un giorno vietati, devi difendere il diritto degli altri a leggere i loro di libri. Anche quando, a torto o a ragione, pensi che quei libri siano delle “cagate pazzesche”.

Altrimenti, il giorno in cui il tuo governo metterà al bando il tuo libro, l’unica cosa che potrai fare è stare zitto e nascondere la testa sotto la sabbia.

Siamo liberali, perdio!

Licenza Creative Commons
Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazionale.

5 motivi per cui sarò al Gay Pride

5 motivi per cui sarò al Gay Pride

1) Don Max e San Paolo

uid_152ae29c6c1.640.0.jpg
Link al video

Appena due settimane fa, precisamente il 28 maggio 2016, tale Don Massimiliano Pusceddu si è scagliato contro la legge sulle unioni civili citando la “attualissima” Lettera di San Paolo ai Romani, secondo la quale gli omosessuali “meritano la morte”:

Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; le loro donne hanno cambiato i rapporti naturali in rapporti contro natura. Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini […]. E pur conoscendo il giudizio di Dio, che cioè gli autori di tali cose meritano la morte, non solo continuano a farle, ma anche approvano chi le fa.


2) Il pastore americano e il Levitico

steven.png
Link al video

A fine 2014, tale Steven Anderson, pastore e fondatore della “Faithful Word Baptist Church“, affermò di aver scoperto la cura per l’AIDS in un passo del Levitico, il 20:13 per la precisione:

Se uno ha con un uomo relazioni carnali come si hanno con una donna, ambedue hanno commesso cosa abominevole; dovranno esser messi a morte; il loro sangue ricadrà su loro.

Il pastore, tra le risate dei suoi fedeli, prometteva allora un “Natale senza AIDS” semplicemente seguendo il misericordioso precetto divino: “giustiziare gli omosessuali”.


3) Le Sentinelle in piedi e il matrimonio con i maiali

fan.png
Link al video

Nell’ottobre 2014, durante una manifestazione delle Sentinelle in piedi a Napoli, un manifestante si è espresso come segue:

Il fatto che io mi innamori di un maiale, per esempio, non significa che posso istituire il matrimonio tra l’uomo e il maiale.


4) Edward James e il matrimonio con i cavalli

cavalli.jpg
Link al video

Sempre alla fine del 2014, un pastore del Mississipi ha protestato contro i matrimoni tra persone dello stesso sesso vestendo un cavallo da sposa ed esponendo questo striscione:

La prossima legge contro natura: vuoi tu prendere in sposa questo cavallo? Potrebbe anche essere così se il legame sancito dai matrimoni tra persone dello stesso sesso venisse spostato: dove dobbiamo tracciare una linea? Il matrimonio è tra un uomo e una donna. Tutto il resto è perversione.


5) Il referendum per abrogare le unioni civili

referendum-unioni-755x515.jpg
Link al video

 

 

Nemmeno il tempo di approvare la legge sulle unioni civili che gli esponenti del centrodestra (capitanati dall’On. Gaetano Quagliariello) e del mondo cattolico conservatore (capitanati invece da Mario Adinolfi e dall’On. Eugenia Roccella) promettono un referendum abrogativo.


La lista dei motivi potrebbe essere ancora più lunga, ma è inutile insistere. Qualcuno dirà che, in fondo, queste sono solo minoranze di fondamentalisti – fondamentalisti certamente, minoranze non credo proprio (vedi i presunti “due milioni” di partecipanti all’ultimo Family Day a Roma).

Qualcun altro dirà invece che, in fondo, è solo una questione di tempo, che piano piano la politica si adatterà all’aria dei tempi, etc.

Io, scettico di default, non mi fido affatto di questi auspici di circostanza e, nel dubbio, faccio la mia parte, convinto che ci sia ancora molto (ma davvero molto) da fare.

pride

Licenza Creative Commons

 

Quest’opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Non opere derivate 4.0 Internazional